Deposito bilanci 2021: aggiornamento 29 marzo 2021 - variazione termini scadenza bilancio sociale

Martedì 30 Marzo 2021

Deposito bilanci 2021: aggiornamento 29 marzo 2021 - variazione termini scadenza bilancio sociale

Aggiornamento 29 marzo 2021 con variazione termini scadenza bilancio sociale

 


 L’art. 3, sesto comma, del decreto-legge 31/12/2020, n. 183, convertito con modifiche nella legge 26/02/2021, n. 21, interviene sui termini ordinari di convocazione delle assemblee dei soci chiamate ad approvare il bilancio di esercizio chiuso al 31/12/2020, e sulle modalità di svolgimento delle stesse, attraverso la modifica dell’art. 106 del decreto-legge 17/03/2020, n. 18, convertito nella legge 24/04/2020, n. 27, disposizione che già nel corso dell'anno 2020 aveva consentito alle società di convocare l’assemblea ordinaria entro un termine più ampio rispetto a quello ordinario, prevedendo alcune facilitazioni volte a ridurre i raggruppamenti di persone, nel rispetto delle disposizioni volte a ridurre il rischio di contagio.

L’art. 106 stabilisce che, in deroga a quanto previsto dall’art. 2364, comma 2, c.c. e dall’art. 2478-bis, l’assemblea ordinaria possa essere convocata entro 180 giorni dalla chiusura dell'esercizio sociale, vale a dire entro il 29 giugno 2021; per tutte le società di capitali (S.p.A., S.a.p.a., S.r.l.), le cooperative e le mutue assicuratrici, è ammesso che con l'avviso di convocazione delle assemblee ordinarie o straordinarie, sia possibile prevedere, anche in deroga alle diverse disposizioni statutarie, l'espressione del voto elettronico o per corrispondenza e l'intervento all'assemblea mediante mezzi di telecomunicazione.

E’ altresì consentito che l'assemblea si svolga, anche in via esclusiva, mediante mezzi di telecomunicazione che garantiscano l'identificazione dei partecipanti, la loro partecipazione e l'esercizio del diritto di voto, senza, in ogni caso, la necessità che si trovino nel medesimo luogo, ove previsti, il presidente, il segretario o il notaio.

Con specifico riferimento alle S.r.l., inoltre, l’espressione del voto potrà avvenire mediante consultazione scritta o per consenso espresso per iscritto, anche in deroga a quanto previsto dall’art. 2479-bis, comma 4 c.c. e alle diverse disposizioni statutarie.

Tutte le deroghe così indicate si potranno applicare a condizione che le assemblee si tengano entro il 31 luglio 2021.


E' disponibile il Manuale operativo  di Unioncamere che descrive le modalità di compilazione della modulistica elettronica e di deposito telematico dei bilanci e degli elenchi soci nel 2021 al Registro delle Imprese.


Ricordiamo inoltre che entro due mesi dalla chiusura dell'esercizio annuale deve essere depositata la situazione patrimoniale dei consorzi (art. 2615 bis c.c.)  e dei contratti di rete con soggettività giuridica (art. 3, D.L. 10 febbraio 2009, n. 5, convertito dalla L. 9 aprile 2009, n.33), il cui esercizio chiude al 31 dicembre 2020.

Nel 2021 il termine per il deposito è posticipato al giorno 1 marzo 2021, essendo il 28 febbraio è un giorno festivo.

Per questa tipologia di deposito è previsto l’obbligo di presentazione del bilancio XBRL secondo la tassonomia 2018-11-04 presente sul sito istituzionale www.agid.gov.it  che potrà essere redatto utilizzando lo schema di tassonomia per i bilanci di esercizio in forma ordinaria, abbreviata o micro, in funzione delle dimensioni del consorzio, analogamente a quanto previsto per le società di capitali.

Non essendo previsto il deposito del verbale di approvazione della Situazione Patrimoniale da parte dei consorziati, non è necessario compilare il campo relativo alla data di approvazione del bilancio presente in modulistica.

I diritti di segreteria ammontano a € 62,70 e l'imposta di bollo a € 65,00.

Ulteriori informazioni sono disponibili consultando le schede SARI sul Deposito della situazione patrimoniale dei Consorzi e dei Contratti di rete e il Manuale operativo bilanci.

Ultima modifica: Martedì 30 Marzo 2021