Comunicazione

Giovedì 25 Febbraio 2021

Presentazione del Modello Unico di Dichiarazione Ambientale -MUD 2021

Si comunica che è stato pubblicato sulla GU Serie Generale n.39 del 16-02-2021 - Suppl. Ordinario n. 10, il D.P.C.M. del 23 dicembre 2020 relativo all’ “Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l'anno 2021.”

Il Modello Unico di Dichiarazione ambientale, che sarà utilizzato per le dichiarazioni da presentare nel 2021 con riferimento all'anno 2020, come disposto dalla legge 25 gennaio 1994, n. 70, è articolato in Comunicazioni che devono essere presentate dai soggetti tenuti all'adempimento:

1. Comunicazione Rifiuti;

2. Comunicazione Veicoli Fuori Uso;

3. Comunicazione Imballaggi, composta dalla Sezione Consorzi e dalla Sezione Gestori Rifiuti di imballaggio;

4. Comunicazione Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche;

5. Comunicazione Rifiuti Urbani, assimilati e raccolti in convenzione;

6. Comunicazione Produttori di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche.

 

Le principali modifiche per l’annualità 2021 sono di seguito elencate:

 

- gli impianti che svolgono attività di recupero dovranno comunicare, nella scheda SA AUT, se l'autorizzazione è riferita ad attività di recuperoper le quali è stata prevista l’applicazione del c.3 art. 184ter (cessazione della qualifica di rifiuto sulla base di criteri dettagliati, definiti nell'ambito dei medesimi procedimenti autorizzatori);

- nella comunicazione rifiuti e veicoli fuori uso sono state apportate alcune modifiche alle informazioni relative ai materiali derivanti dall’attività di recupero, con l’aggiunta di alcune tipologie e la modifica di altre;

- la scheda costi di gestione della comunicazione rifiuti urbani è stata completamente rivista;

- sono state modificate le categorie della Comunicazione RAEE per adeguarle all’entrata in vigore dell’open scope e della classificazione prevista dall’allegato III al D.lgs. 49/2014;

- sempre nella comunicazione RAEE è stata aggiunta la voce relativa alla quantità di RAEE preparati per il riutilizzo, mentre è stata eliminata l’informazione sui RAEE utilizzati come apparecchiatura intera.

Ricordiamo anche che il Decreto Legge n. 76 del 16 luglio 2020 recante “Misure urgenti per la semplificazione e l’innovazione digitale”, successivamente convertito nella Legge n. 120 dell’11 settembre 2020 prevede che dal 28 febbraio 2021, si possa accedere ai siti web della pubblica amministrazione esclusivamente tramite il Sistema pubblico di identità digitale (Spid), la Carta d’identità elettronica (Cie) o la Carta nazionale dei servizi (Cns),fermo restando l’utilizzo delle credenziali già rilasciate fino alla loro naturale scadenza e, comunque, non oltre il 30 settembre 2021. Questo avrà un impatto per i nuovi utenti dei portali per l’invio del MUD.

Per quanto riguarda il MUD Semplificato e il MUD Comuni il pagamento dei diritti di segreteria potrà avvenire esclusivamente con il circuito Pago Pa.

Ecocerved ha implementato la funzione che consente all’utente di generare l’avviso di pagamento (il cd. Modello 3) direttamente dai due portali senza, quindi, impattare sulla Camera.Nei prossimi giorni le imprese potranno scaricare dal portale Ecocamere il software per la compilazione del MUD 2021 e i relativi tracciati record.

A partire dalla fine di febbraio verranno resi disponibili i portali MUD Telematico (www.mudtelematico.it) per l’invio delle comunicazioni via telematica, MUD Comuni (www.mudcomuni.it) per la compilazione e l’invio della Comunicazione rifiuti urbani) e MUD Semplificato (https://mudsemplificato.ecocerved.it) per l’invio della comunicazione semplificata.In base all’articolo 6 comma 2-bis della Legge 25 gennaio 1994 n.70, il termine per la presentazione del Modello è fissato il 16 giugno 2021.

Si ricorda infine che l’art. 258 del D.lgs.vo n. 152 del 2006 relativo alla violazione degli obblighi di comunicazione, fissa in sessanta giorni dalla scadenza del termine fissato dalla legge n. 70 del 1994 il periodo entro il quale la comunicazione tardiva è sanzionata in misura più lieve.

Poiché in questo caso il termine ultimo scadrebbe il giorno 15 agosto, festivo, si ritiene che tale termine sia spostato al giorno 16 agosto, primo giorno non festivo.

 

Sul sito www.ecocamere.it, portale del sistema camerale per aiutare le imprese a orientarsi tra obblighi e opportunità in campo ambientale, sono disponibili le informazioni e i moduli per la compilazione, il software per la presentazione del MUD, e i tracciati record aggiornati per i produttori di software, nonchè il collegamento con il portale per la compilazione del MUD Semplificato https://www.mudtelematico.it/  .

La comunicazione rifiuti semplificata va compilata tramite il sito mudsemplificato.ecocerved.it e trasmessa via PEC all’indirizzo comunicazionemud@pec.it.

Tutte le istruzioni per la presentazione del MUD sono reperibili sul sito di EcoCamere raggiungibile al seguente link:

https://www.ecocamere.it/adempimenti/mud

 

Ultima modifica: Giovedì 25 Febbraio 2021
Venerdì 5 Febbraio 2021

Al via il 7° Censimento generale dell’Agricoltura

 

Ultimo appuntamento decennale con il Censimento generale dell’Agricoltura, una rilevazione che dal 2022 si trasformerà in permanente

 

Con questa edizione scompare il classico questionario cartaceo che diventa completamente digitalizzato. Nell’occasione, un focus informativo valuterà anche l’impatto del Covid 19 sulle aziende del comparto.

È partito il 7 gennaio 2021 e si concluderà il 30 giugno il 7° Censimento generale dell’Agricoltura, indagine che coinvolgerà oltre un milione e 700mila aziende del settore e avrà l’obiettivo di fornire un quadro statistico approfondito, a livello nazionale, regionale e locale, del nostro sistema agricolo e zootecnico.

Comunicato stampa Istat

Censimento

Ultima modifica: Venerdì 5 Febbraio 2021
Martedì 19 Gennaio 2021

Attenzione alle richieste di pagamento che sembrano provenire dalla Camera di Commercio

 

Informiamo tutti gli utenti che periodicamente, spesso in occasione dell'iscrizione al Registro delle Imprese o nel periodo di versamento del diritto annuale, vengono spediti alle imprese dei bollettini di pagamento ingannevoli con diciture che possono far credere di essere stati inviati dalla Camera di Commercio o con  frasi che possono richiamare un generico obbligo di pagamento per iscrizioni a registri e elenchi.  .

 Ricordiamo che il diritto annuale, tributo che le imprese iscritte al Registro delle Imprese pagano annualmente, può essere pagato telematicamente tramite la nuova piattaforma online PagoPA oppure versato tramite il modello per il pagamento delle imposte sui redditi F24 e non tramite bonifico bancario o bollettino postale. Il termine per questo pagamento coincide con quello per il pagamento del primo acconto delle imposte sui redditi.

L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha considerato queste iniziative come PUBBLICITÀ INGANNEVOLE in quanto chi le organizza non è in alcun modo collegato alle Camere di Commercio e svolge attività di pubblicazione e vendita di riviste e fogli informativi per fini di lucro. 

E' possibile scaricare dal sito AGCM il Vademecum anti-inganni "IO NON CI CASCO!" contro le indebite richieste di pagamento alle aziende.

Ultima modifica: Martedì 19 Gennaio 2021
Venerdì 30 Ottobre 2020

Operativo e costantemente aggiornato il portale Ripartire Impresa

E' operativo e costantemente aggiornato Portale RipartireImpresa, realizzato da Unioncamere, in collaborazione con InfoCamere e tutte le Camere di Commercio italiane..

La piattaforma online  è stata creata per aiutare gli imprenditori ad orientarsi  nei  provvedimenti, nazionali e regionali, diretti al contenimento della diffusione del virus.

Il portale dedica particolare attenzione alle opportunità di sostegno economico: selezionando l’attività svolta e la regione in cui viene esercitata, è possibile prendere visione delle misure di principale interesse, ottenendo informazioni puntuali e sintetiche su diversi aspetti fondamentali della normativa in vigore. Oltre alla possibilità di operare, infatti, l’impresa potrà conoscere rapidamente quali sono le modalità di accesso negli impianti e nei locali di lavoro consentite, gli obblighi di pulizia e sanificazione dell’impresa, quelli inerenti l’organizzazione aziendale o la sorveglianza sanitaria sui dipendenti.

Inoltre, dalla pagina di accoglienza si accede rapidamente alle informazioni più utili, ai documenti e ai servizi di assistenza che grandi istituzioni e organizzazioni imprenditoriali pubblicano sul web.
Scopri e consulta subito il Portale RipartireImpresa


L'iniziativa è finalizzata alla conoscenza dei provvedimenti e delle MISURE DI SOSTEGNO ECONOMICO per le imprese e non si sostituisce alle informazioni definite dalle Amministrazioni responsabili.

Ultima modifica: Venerdì 30 Ottobre 2020
Giovedì 26 Marzo 2020

Attestazioni camerali su dichiarazioni delle imprese di sussistenza cause di forza maggiore per emergenza COVID 19

Attestazioni camerali su dichiarazioni delle imprese di sussistenza cause di forza maggiore  - Aggiornamento 27 marzo 2020

Alla luce dell’esigenza manifestata, da parte di diverse imprese, di dover documentare mediante attestazione camerale le condizioni di forza maggiore derivanti dall’attuale fase di emergenza sanitaria da COVID-19 e preso atto che le clausole presenti in molti contratti di fornitura in essere con l’estero comportano la necessità di produrre tali attestazioni per poter invocare la forza maggiore e far fronte all’inadempimento delle obbligazioni, su richiesta dell'impresa, quale documento a supporto del commercio internazionale, la Camera di Commercio di Arezzo-Siena, nell’ambito dei poteri riconosciuti dalla legge alle CCIAA, procederà al rilascio di una dichiaraziono in lingua inglese sullo stato di emergenza epidemiologica da COVID-19 come previsto dalla nota circolare n. 0088612 del 25 marzo 2020.


La Camera di Commercio di Arezzo -Siena rilascerà la dichiarazione in questione previa presentazione, in via telematica attraverso l'applicativo Cert'ò di Infocamere, di una specifica istanza da parte dell'impresa. In questo caso si dovrà selezionare "Tipo di pratica : Richiesta Visti – Autorizzazioni"

La documentazione da allegare alla pratica telematica è la seguente:

- istanza compilata ( trasformata in PDF/A e firmata digitalmente dal titolare/legale rappresentante/procuratore dell’impresa) contenente la dichiarazione che le circostanze relative alla diffusione del COVID-19 e le restrizioni imposte per il contenimento dell'epidemia non hanno consentito all'impresa medesima l'assolvimento di obblighi contrattuali precedentemente assunti per motivi imprevedibili e indipendenti dalla volontà e capacità aziendale (come da facsimile);


- nel caso il documento non venga sottoscritto digitalmente ma in maniera olografa dal titolare/legale rappresentante/procuratore dell’impresa, andrà allegata anche una copia del documento di identità valido del sottoscrittore.


Una volta ricevuta l'istanza, la Camera di Commercio provvederà a redigere la relativa dichiarazione, secondo il fac-simile condiviso a livello nazionale dal sistema camerale. La dichiarazione sarà consegnata/resa disponibile secondo le modalità in vigore per tutti gli altri documenti a valere per l'estero che vengono richiesti telematicamente tramite Cert'ò, come ad esempio i certificati di origine.


L'emissione della dichiarazione in questione prevede un costo di 3,00 euro di diritti di segreteria, che saranno addebitati tramite il sistema Telemaco-Cert'ò.

Attestazione in lingua italiana

Attestazione in lingua inglese


 

Avviso per il rilascio della Carta Nazionale dei Servizi ( firma digitale) - Aggiornamento 27 marzo 2020
Ultima modifica: Venerdì 30 Ottobre 2020